Involtini primavera: La Pasta Wonton

“Se vedi un affamato non dargli del riso: insegnagli a coltivarlo.” Confucio

 

E’ da tempo ormai che la cucina cinese viene ospitata nel nostro paese e tutti noi conosciamo gli involtini di primavera: un loro piatto tipico che ha saputo conquistare anche il palato di noi italiani.

Io ho provato a sfidarli preparando questa pasta e devo dire che il risultato non è niente male… la ricetta del blog zestyandspicy mi ha dato qualche dritta su come preparare questa pasta friabile e croccante utile per degli involtini o ravioli impeccabili.

La Pasta Wonton (involtini primavera)

INGREDIENTI

  • 2 tazze di farina setacciata ( 1 di farina 00 o di riso, 1 di amido di mais)
  • 1 cucchiaino di sale
  • 1 uovo
  • 1/4 + 1/2 tazza di acqua fredda

PROCEDIMENTO

  1. Setacciate le farina in una grande ciotola e mettete da parte.
  2. In un’ altra ciotola unite 1/4 di acqua fredda, l’uovo e il sale. Montate con una frusta a mano per qualche minuto.

    La Pasta Wonton (involtini primavera)

    La Pasta Wonton (involtini primavera)

  3. Prendete la ciotola delle farine e fate la classica fontana al centro e, pian pano, unite la pastella d’uovo.
    Dal centro verso l’esterno incorporate la farina. Unite a filo 1/2 tazza di acqua fredda.
  4. Una volta pronto l’impasto, fatelo riposare per circa 15 minuti.
    Nel frattempo munitevi di un tirapasta o se avete tanta forza e pazienza di un mattarello. Badate bene che dovrete ottenere una sfoglia molto sottile.

    La Pasta Wonton (involtini primavera)

    La Pasta Wonton (involtini primavera)

  5. Dopo aver infarinato il piano di lavoro e aver ottenuto le sfoglie di wonton, potrete preparare qualsiasi pietanza cinese come i ravioli.
    La Pasta Wonton (involtini primavera)

    La Pasta Wonton (involtini primavera)

    Con questo tipo di pasta potete anche realizzare dei ravioli cinesi ripieni di carne o di verdure.
    Vi consiglio di servire queste pietanze in dei piccoli piatti da portata in legno accompagnati con della salsa di soia e delle bacchette così da richiamare l’atmosfera tipica cinese.

I commenti sono chiusi.